Le FAQ : IdentitÓ Sessuale
L'identitÓ sessuale nell'adolescenza

Aspetti psicologici dell'adolescenza: l'identitÓ sessuale

E' proprio dell'adolescenza lo scoprirsi a pensare a se stessi come non si era mai fatto, magari chiusi nella propria stanza. Ci si interroga sui cambiamenti, si ha l'impressione di vedere il mondo con occhi nuovi. Si fanno progetti, e non soltanto a breve scadenza, ma anche per gli anni futuri. Poco importa che ogni giorno si cambi idea, l'importante Ŕ fantasticare sull'avvenire. Interrogarsi sulla propria identitÓ significa anche porsi delle domande sull'essere maschio o femmina, ossia sulla propria identitÓ sessuale.
Al momento della nascita ogni individuo viene indicato come maschio o femmina, gli viene cosý attribuita l'appartenenza a un genere sessuale mediante l'osservazione dei genitali esterni. Questo riconoscimento rappresenta l'inizio di un percorso che segna l'intera esistenza dell'essere umano, il primo passo per il costituirsi dell'identitÓ sessuale. E' facile per˛ rendersi conto che non sono soltanto i genitali che fanno di noi un uomo o una donna. Accanto a questi elementi biologici se ne aggiungono altri che chiameremo sociali. Essi consistono nel diverso modo che l'ambiente ha di interagire con le persone, dipendentemente dal sesso.
Il riconoscimento del sesso alla nascita Ŕ il primo messaggio che il mondo esterno ci invia sul nostro genere sessuale; poi, durante tutta la vita, seguono una miriade di altri messaggi del mondo circostante che, giorno dopo giorno, esperienza dopo esperienza, confermano o meno la nostra identitÓ sessuale. Possiamo distinguere nell'identitÓ sessuale due componenti: una Ŕ l'identitÓ di genere, che consiste nella consapevolezza interiore che ogni persona ha del proprio genere sessuale.
Si tratta di una sensazione intima, privata, squisitamente psicologica. L'altra Ŕ l'identitÓ di ruolo, che rappresenta il riscontro sociale della prima ed Ŕ strettamente legata ai rapporti con le altre persone. Anche questa Ŕ di natura psicologica, ma pi¨ "tangibile" dell'identitÓ di genere .
Facciamo qualche esempio per spiegarci meglio. La fisiologia Ŕ in diretto rapporto con l'identitÓ di genere. Quando la donna ha le mestruazioni, prova sempre delle emozioni che scaturiscono da questa mensile conferma, assolutamente femminile, della sua fertilitÓ: pu˛ esserne felice, se la sua identitÓ di genere Ŕ salda, o triste se Ŕ dubbiosa su ci˛ che vuole essere. Oppure pensiamo all'erezione, che nell'uomo Ŕ la prova visibile della sua virilitÓ, e alle sensazioni intense che ad essa sono collegate, queste esclusivamente maschili. Se invece parliamo di identitÓ di ruolo, possiamo pensare alla piacevole emozione provata per un complimento che gratifica il nostro aspetto esteriore e, ancora, alla gioia che ci assale, se ci accorgiamo di essere desiderati, amati.
Per riassumere: le tappe attraverso le quali si forma l'identitÓ costituiscono il processo di autoidentificazione sessuale, ossia il raggiungimento della convinzione intima della propria mascolinitÓ o femminilitÓ. Questa convinzione Ŕ un elemento centrale del modo che ognuno ha di sentire "chi Ŕ", nel profondo di se stesso.


Tratto da: http://www.aied.it/aied/giovani/psicol.htm
Copyright ę1999 ISD Online. Ultimo aggiornamento : 22 Ottobre 2000.
Torna alla pagina delle FAQ

Valid HTML 4.01! Valid CSS!