Le FAQ: lo sviluppo sessuale
L'Andropausa

IL CREPUSCOLO DEGLI DEI

L'esistenza dell'andropausa ´┐Ż stata per molto tempo, e spesso lo ´┐Ż ancora oggi, messa in discussione. Secondo alcuni medici l'andropausa non esiste, secondo altri forse s´┐Ż forse no. Secondo altri ancora, l'andropausa esiste ma ´┐Ż un fenomeno poco frequente e sono pronti a dichiarare che assai di rado ne hanno visto un caso conclamato e indiscutibile.
L'incertezza sull'esistenza o meno dell'andropausa ´┐Ż dovuta a diversi fattori. Un ruolo non secondario hanno avuto senza dubbio i vari tentativi di paragonarla alla pubert´┐Ż e alla menopausa; infatti pubert´┐Ż (maschile e femminile) e menopausa sono eventi meglio definiti sotto l'aspetto ormonale e riproduttivo. Nell'andropausa, invece, non esistono profonde alterazioni della capacit´┐Ż riproduttiva. Infatti quest'ultima, acquisita con la pubert´┐Ż, scompare nella donna con la menopausa, mentre persiste, anche se ridotta, nell'uomo andropausale. Ne sono testimonianza i tanti casi di uomini, alcuni dei quali celebri (Pablo Picasso, Charlie Chaplin, Yves Montand, Antony Quinn), che hanno avuto figli in et´┐Ż avanzata.
La mancata perdita in termini assoluti della capacit´┐Ż riproduttiva, che pure viene ad essere compromessa col passare degli anni, e la mancanza di eclatanti modificazioni ormonali e del corteo sintomatologico ad esse correlato (come sono nella donna le vampate di calore, vari disturbi neurovegetativi, le alterazioni del sonno e dell'umore) hanno messo in dubbio l'esistenza dell'andropausa o condizionato il suo riconoscimento alla presenza di tali modificazioni e segni. Sottovalutando ed ignorando invece quello che ´┐Ż il punto centrale del fenomeno andropausale: la variazione della sessualit´┐Ż maschile.
L'andropausa, intesa quindi come "crepuscolo" della virilit´┐Ż, ´┐Ż un fenomeno costante della vita di ogni uomo e rappresenta uno stadio della sua sessualit´┐Ż, cos´┐Ż come la pubert´┐Ż e la maturit´┐Ż sessuali. Essa si intreccia e si sovrappone a quelle fasi della vita dell'uomo che sono la maturit´┐Ż avanzata e la terza et´┐Ż. In sintesi, l'andropausa si concretizza e si caratterizza in una serie di mutamenti biologici e psicologici che accompagnano il decadimento progressivo dell'uomo.

Top

L'andropausa nelle societ´┐Ż occidentali

L'incidenza e l'importanza dell'andropausa nel mondo occidentale ´┐Ż sempre pi´┐Ż considerevole, in relazione all'allungarsi della vita media dell'uomo. Cento anni fa un cinquantenne, ammesso che fosse riuscito a sopravvivere fino a raggiungere tale et´┐Ż, era considerato vecchio, cosa che del resto tutt'ora avviene nei paesi del III e IV mondo.
La situazione socio-economica e le abitudini sanitarie dell'epoca erano indubbiamente tali da non favorire una sessualit´┐Ż in et´┐Ż avanzata e al di fuori della finalit´┐Ż riproduttiva, almeno nella maggior parte degli individui. Oggi un uomo di 50-60 anni viene considerato spesso "giovane", e quindi in grado ancora di vivere una valida sessualit´┐Ż. Si veda l'esempio di molti uomini di spettacolo ultracinquantenni: essi sono considerati quasi ancora dei ragazzi e nessuno li ritiene ormai asessuati o, al contrario, degli anormali se non sembrano aver abdicato alla loro vita sessuale.
Tutto ci´┐Ż, unito al valore non riproduttivo, che sempre pi´┐Ż, contrariamente al passato, il sesso ha assunto e va assumendo nella nostra societ´┐Ż, fa comprendere il profondo impatto che l'andropausa assume nella vita relazionale dell'uomo moderno.

Top

STUDI SCIENTIFICI

Non sono stati effettuati molti studi scientifici sull'andropausa. E' stato determinante a questo proposito un atteggiamento moralistico nei confronti della sessualit´┐Ż non riproduttiva in genere e della sessualit´┐Ż dell'anziano in particolare. Inoltre, gli uomini non amano parlare molto di sesso, se non per raccontare le proprie prodezze!
Tra i pochi studi scientifici eseguiti in tale direzione dobbiamo ricordare quelli sulla sessualit´┐Ż dell'uomo anziano di Kinsey nel 1948 e successivamente quelli del suo collaboratore, Martin, nel 1977. Essi si riferiscono ad aspetti statistici del comportamento sessuale maschile.
Gli studi di Masters e Johnson (1966-1970) hanno esaminato le modificazioni della risposta sessuale nel maschio anziano. Essi hanno dimostrato che con l'et´┐Ż ´┐Ż evidente un declino della frequenza dei rapporti e dell'attivit´┐Ż sessuale in generale e come l'incidenza dell'impotenza cresca con l'avanzare dell'et´┐Ż.
Negli studi di Masters e Johnson sono state esaminate le principali differenze, rispetto ad individui pi´┐Ż giovani, della capacit´┐Ż e modalit´┐Ż di avere erezione e le variazioni dell'eiaculazione e dell'orgasmo. Gli studi pionieristici sia di Kinsey-Martin che di Masters-Johnson si riferiscono comunque ad una popolazione di individui genericamente anziani e, pur prendendo in considerazione aspetti importanti della vita del maschio nella terza et´┐Ż, si riferiscono ad aspetti parziali della sessualit´┐Ż dell'uomo in andropausa. Non viene ad esempio mai usato il termine "andropausa" n´┐Ż viene precisato a quale et´┐Ż essa abbia inizio.

Top

COMPARSA DEI SINTOMI

Del resto stabilire a che et´┐Ż inizi l'andropausa ´┐Ż molto difficile; la difficolt´┐Ż deriva da molti fattori. Tra di essi la mancanza di marcatori univoci ed eguali per tutti, come sono la prima eiaculazione (spermarca) e la prima mestruazione (menarca) per segnare l'inizio della pubert´┐Ż, o come la scomparsa dei flussi mestruali regolari per riconoscere l'inizio della menopausa.
Altra grande variabilit´┐Ż, da individuo ad individuo, ´┐Ż la sintomatologia andropausale e l'epoca di inizio del decadimento sessuale. Si pu´┐Ż comunque affermare che il fenomeno pu´┐Ż assumere rilevanza clinica a partire dai 50-55 anni. Il suo comparire, in alcuni casi, pu´┐Ż passare del tutto inosservato, in altri pu´┐Ż essere vistoso e chiaramente riconoscibile.
Certo l'insuccesso, l'incapacit´┐Ż totale o parziale a praticare sesso, ripetuta nel tempo, in una persona precedentemente attiva e sessualmente valida, ´┐Ż manifestazione inequivocabile di andropausa.
Prima di arrivare a situazioni eclatanti e avanzate, segnali del nuovo stato sessuale sono e possono essere un variato atteggiamento verso il sesso, una spinta meno forte e a volte anche meno ossessiva verso la ricerca di esso. Si pu´┐Ż osservare una scarsa capacit´┐Ż di adattarsi e di reagire a situazioni normalmente stimolanti, come ad esempio una nuova partner o un incontro occasionale.
Le modalit´┐Ż di transizione dalla maturit´┐Ż sessuale all'andropausa sono certamente diverse. Alcune volte l'esordio ´┐Ż acuto: l'individuo sembra passare improvvisamente da uno stato di efficienza ad una condizione di astenia o di vera e propria inefficienza sessuale. In genere in questi casi il decadimento si ´┐Ż andato instaurando invece in modo progressivo, ma il soggetto non ´┐Ż stato in grado di rendersene conto e tende ad attribuire, al momento di eclatante difficolt´┐Ż sessuale, ad un preciso evento la causa della crisi; sull'episodio, che diventa il capro espiatorio di una situazione generale, si costruiscono spesso e rapidamente meccanismi psicologici di rafforzamento, capaci soltanto di esasperare ulteriormente la difficolt´┐Ż sessuale.
Altre volte l'instaurarsi dell'andropausa ´┐Ż pi´┐Ż lento e progressivo. L'individuo scivola lentamente da uno stato all'altro, dalla maturit´┐Ż alla decadenza, senza grossi scossoni o eventi traumatici.

Top

COMPARSA ED EVOLUZIONE DEI SINTOMI

I sintomi di contorno sono gli stessi dell'invecchiamento: si osserva una riduzione della vis, dell'energia e della forza vitale; con il passare degli anni, specie dopo la VI-VII decade, si riduce l'efficienza dei meccanismi ormonali, neurologici, vascolari e muscolari che sono alla base dell'intero comportamento sessuale maschile. Quindi l'andropausa ´┐Ż correlata direttamente con l'et´┐Ż cronologica dell'individuo, anche se non sono assolutamente rari i casi di asincronia tra et´┐Ż cronologica ed et´┐Ż andropausale.
Un uomo pu´┐Ż essere infatti relativamente giovane ed efficiente sul piano fisico e psichico e compromesso o invecchiato precocemente dal punto di vista sessuale.

Top

Alterazioni ormonali

L'andropausa ´┐Ż stata recentemente studiata sotto il profilo ormonale, nel tentativo di riconoscere una o pi´┐Ż variazioni ormonali tipiche di tale stato, come per la menopausa.
Per quanto riguarda le due fondamentali funzioni del testicolo, secrezione del testosterone (ormone maschile) e produzione di spermatozoi, con l'avanzare dell'et´┐Ż si assiste ad una progressiva, minore efficienza. Nei soggetti anziani (che abbiano pi´┐Ż di settanta anni) i testicoli sono pi´┐Ż piccoli rispetto a quelli degli individui pi´┐Ż giovani. Si determinano inoltre chiare modificazioni della capacit´┐Ż riproduttiva: la fertilit´┐Ż, pur conservata, diminuisce con il passare degli anni. Il declino della produzione di spermatozoi ´┐Ż un fenomeno graduale e progressivo con aumento nell'eiaculato di forme immobili o alterate nella funzionalit´┐Ż ed incapaci quindi di fecondare.
Con l'et´┐Ż si osservano alterazioni ormonali pi´┐Ż o meno importanti.
I livelli del pi´┐Ż importante ormone maschile, il testosterone, diminuiscono con il passare degli anni. Il ritmo circadiano di questo ormone (elevato al mattino e ridotto la sera) tende a scomparire.
Nel soggetto anziano si osserva un progressivo incremento nel sangue dell'estradiolo, l'ormone femminile, prodotto dal testicolo.
Oltre a queste variazioni degli ormoni sessuali, nel maschio anziano si osservano alterazioni della produzione dei due fondamentali ormoni prodotti dall'ipofisi (ghiandola cerebrale) che stimolano e controllano il testicolo. Le gonadotropine (FSH ed LH) nel soggetto anziano tendono ad aumentare anche se non raggiungono i livelli elevati della donna in menopausa.

Top

Comportamento sessuale

Il comportamento sessuale del maschio non pi´┐Ż giovane ´┐Ż stato studiato, come gi´┐Ż ricordato in precedenza, in modo particolare da Kinsey e da Martin. Questi autori, in base a informazioni ricavate tramite la memoria a lungo (Kinsey) e a breve termine (Martin), hanno osservato che la frequenza dei rapporti sessuali e dell'attivit´┐Ż sessuale globale del maschio diminuisce con l'et´┐Ż.
Masters e Johnson invece hanno osservato le variazioni della risposta sessuale nel maschio anziano. Essi hanno riscontrato che ´┐Ż la risposta di eccitazione, in altre parole l'erezione, ad essere particolarmente interessata. Notevoli peraltro le differenze nella risposta di eiaculazione ed orgasmo.

Top

Erezione e orgasmo

Per quanto riguarda l'erezione c'´┐Ż bisogno, perch´┐Ż venga prodotta, di una maggiore stimolazione (sia essa di tipo psichico che, e soprattutto, di tipo meccanico) e di un maggiore tempo perch´┐Ż essa si produca.
Diminuisce la capacit´┐Ż di ottenere erezioni rigide e difficili da piegare; la ridotta capacit´┐Ż di ottenere un pene rigido pu´┐Ż rendere pi´┐Ż difficile e non sempre possibile la penetrazione.
L'erezione tende a durare di meno e la detumescenza peniena post-eiaculatoria ´┐Ż pi´┐Ż rapida a verificarsi. Il periodo refrattario, ovvero il periodo necessario perch´┐Ż dopo una eiaculazione sia possibile una nuova erezione, tende ad aumentare: mentre nel giovane pu´┐Ż essere solo di pochi minuti, con il passare degli anni pu´┐Ż raggiungere le 24 e pi´┐Ż ore. La possibilit´┐Ż quindi di ottenere rapporti multipli cade drasticamente.
Per quanto riguarda la risposta eiaculatoria ed orgasmica diminuisce la spinta e la necessit´┐Ż di eiaculare. L'uomo pu´┐Ż cos´┐Ż prolungarsi nel rapporto sessuale senza sentire la necessit´┐Ż della scarica orgasmica. Il tempo necessario per ottenere l'eiaculazione aumenta e questa non sempre ´┐Ż possibile. L'uomo pu´┐Ż avere difficolt´┐Ż ad eiaculare e a volte, pur se lo desidera, deve rinunciarvi. Diminuisce inoltre la forza di espulsione del liquido seminale che tende a scorrere all'esterno pi´┐Ż che a schizzare fuori.
Il volume dello sperma espulso con l'eiaculato tende a diminuire con gli anni e le contrazioni muscolari orgasmiche divengono meno intense.

Top

Desiderio

Mancano studi scientifici sul desiderio sessuale, sull'orientamento e sulla identit´┐Ż sessuale del maschio in andropausa. Per quanto riguarda il desiderio si pu´┐Ż osservare che esso non scompare con l'et´┐Ż, poich´┐Ż una volta strutturato durante la pubert´┐Ż ´┐Ż difficile che possa essere completamente perso. Piuttosto spesso si modifica, sia quantitativamente che qualitativamente: con il passare del tempo si attenua, diviene meno ossessivo e meno impellente, meno urgente, meno irruente e pi´┐Ż selettivo. Altre volte (specie quando, con l'avanzare degli anni, l'uomo si sente ferito nella sua identit´┐Ż di maschio) il desiderio pu´┐Ż essere o sembrare aumentato; in questi casi l'individuo pu´┐Ż essere spinto in modo ossessivo alla soddisfazione della sua identit´┐Ż sessuale. Pi´┐Ż che di vero desiderio sessuale in questi casi si tratta di paura circa la propria virilit´┐Ż, di desiderio di potenza: il soggetto cerca nella affermazione della capacit´┐Ż seduttiva e nella ripetizione dell'atto sessuale la conferma della sua virilit´┐Ż.
In altri casi si assiste a modifiche qualitative del desiderio sessuale. Da acuto e focalizzato tende a divenire pi´┐Ż vago e soffuso, da aggressivo e pulsionale tende ad essere pi´┐Ż affettivo ed intimo. Pi´┐Ż che mirare al soddisfacimento della carica erotica e alla scarica energetica, diventa teso alla ricerca della relazione intima ed emozionale con la partner.
Questi mutamenti del desiderio, del modo di sentire la pulsione sessuale, non vengono sempre riconosciuti dal singolo, che li vive ma non ´┐Ż in grado di valutarli fino in fondo. Spesso quindi l'uomo in andropausa non vive negativamente le variazioni del desiderio sessuale cos´┐Ż come invece fa per la riduzione della efficienza dell'erezione, della eiaculazione e dell'orgasmo. E' cos´┐Ż frequente osservare asincronie tra desiderio e potenza sessuale. A volte infatti il desiderio, pur se variato nei suoi caratteri, supera le possibilit´┐Ż biologiche e fisiche della capacit´┐Ż di erezione e di penetrazione. Altre volte il desiderio ´┐Ż inferiore alla capacit´┐Ż erettile dell'individuo. L'uomo ha la capacit´┐Ż di rispondere in modo adeguato alle sollecitazioni erotiche, ma non ha voglia o la voglia ´┐Ż minima.

Top

IDENTITA' SESSUALE, ORIENTAMENTO E SCELTE SESSUALI

L'identit´┐Ż sessuale muta con il tempo e si modifica nel corso degli anni; essa ´┐Ż particolarmente messa alla prova durante l'andropausa. Infatti l'identit´┐Ż sessuale del maschio risiede fondamentalmente nella sessualit´┐Ż vissuta e nella sua capacit´┐Ż di praticarla: l'identit´┐Ż maschile si identifica nella potenza sessuale, nel vedersi e nell'essere visto come maschio, come persona che possiede e sa usare i genitali, che ´┐Ż capace di avere rapporti sessuali come ed ogni volta che vuole o pu´┐Ż. L'identit´┐Ż sessuale maschile durante l'andropausa viene ad essere compromessa per vari motivi: il corpo non si conforma pi´┐Ż agli ideali della corporalit´┐Ż e della fisicit´┐Ż del giovane. La barba e i capelli iniziano a diventare bianchi, compare la presbiopia e iniziano i primi disturbi a carico della prostata. Il maschio scopre inoltre che il proprio corpo non risponde pi´┐Ż come un tempo. Risulta difficile per l'uomo in andropausa ritrovarsi o confrontarsi a modelli di sessualit´┐Ż adolescenziale e del giovane adulto. Modelli che "impongono " erezioni ossessive ed onnipresenti, eiaculazioni quotidiane o pluriquotidiane, pene rigido al mattino e in tutte le occasioni "utili".
L'identit´┐Ż sessuale in andropausa viene compromessa quindi dallo specchio che la societ´┐Ż offre all'uomo. Il "fantasma" della omosessualit´┐Ż, come paura massima della demascolinizzazione, pu´┐Ż emergere in questi casi. Si tratta naturalmente di una paura immotivata e non di una possibilit´┐Ż reale. Non ´┐Ż infatti possibile che un uomo possa, in et´┐Ż andropausale, in seguito a problemi di potenza sessuale e solo per essi, divenire omosessuale. Con gli anni l'orientamento sessuale pu´┐Ż divenire pi´┐Ż ampio e vario. Le preferenze e le scelte sessuali cambiano. L'uomo pu´┐Ż essere, a volte, interessato a spingersi a sperimentare forme nuove e diverse di sesso e di sessualit´┐Ż. Pu´┐Ż spingersi alla ricerca di materiale porno o di situazioni trasgressive. Oppure, al contrario, pu´┐Ż ricercare con forza esperienze nuove, di tipo romantico ed affettivo. In alcuni casi pu´┐Ż arrivare anche alla esperienza omosessuale o ricercare forme di sessualit´┐Ż alternative e socialmente condannabili.

Top

Manifestazioni cliniche della sessualit´┐Ż

L'impatto che l'andropausa pu´┐Ż avere nei singoli individui pu´┐Ż essere estremamente diverso. Per alcuni infatti l'andropausa pu´┐Ż verificarsi a 40 anni, per altri a 70. Per alcuni pu´┐Ż significare impotenza e completa demascolinizzazione, per altri piccoli mutamenti che non pregiudicano virilit´┐Ż e capacit´┐Ż sessuale.
La grande variabilit´┐Ż con cui l'andropausa si manifesta pu´┐Ż essere dovuta a fattori fisici, psicologici, relazionali e culturali.
Esempio classico ´┐Ż quello di un uomo affetto da diabete mellito con danno sui nervi dell'erezione (neuropatia diabetica) che va incontro ad una decadenza sessuale precoce.
Fattori psico-culturali sono invece implicati in altri casi. Prendiamo ad esempio il caso di un uomo di 60 anni che di fronte al normale ritardo della eiaculazione, tipico dell'et´┐Ż, entri in uno stato di ansia-allarme spesso esasperato dalla partner. Il soggetto pu´┐Ż passare rapidamente da una condizione fisiologica, legata all'et´┐Ż, ad un disturbo sessuale fino ad una vera patologia sessuale. In questi casi lo stabilirsi di una sorta di "circolo vizioso" pu´┐Ż esaltare il problema ed arrivare a rovinare completamente la vita sessuale del soggetto.

Top

Et´┐Ż e confronto uomo-donna

Il rapporto tra et´┐Ż e sessualit´┐Ż ´┐Ż evidente. Il decadimento e l'uscita dalla vita sessuale attiva sono in rapporto con l'et´┐Ż. Sappiamo che l'incidenza dell'impotenza sessuale cresce con l'avanzare degli anni. Non sempre ´┐Ż vero il contrario, ovvero che una et´┐Ż non avanzata o uno stato di apparente salute psico-fisica siano sinonimi di efficienza sessuale. Non esiste inoltre nessuna correlazione tra status sociale ed economico e vigore sessuale. Spesso, nella nostra societ´┐Ż, l'uomo raggiunge il massimo del suo prestigio economico e sociale tra i 50 ed i 60 anni. In questi casi le occasioni, le opportunit´┐Ż e le tentazioni sessuali sono numerose ma non l'efficienza sessuale! Al contrario la donna pu´┐Ż, attorno all'epoca della menopausa, raggiungere il massimo del suo interesse e "vigore" sessuale.

Top

Cronologia della decadenza sessuale

Il decadimento sessuale maschile in andropausa prima ´┐Ż qualitativo poi ´┐Ż quantitativo; prima ´┐Ż pi´┐Ż facile a verificarsi in condizioni particolari, poi si osserva anche in condizioni di base; all'inizio ´┐Ż intermittente poi si stabilizza. L'aspetto qualitativo della sessualit´┐Ż ´┐Ż il primo ad essere interessato dall'avanzare degli anni. L'erezione spontanea mattutina diviene meno frequente, le erezioni in corso di masturbazione o coito meno forti e durature, la spinta anterograda del seme, durante l'eiaculazione, meno vigorosa, le sensazioni orgasmiche meno efficaci e significative, il desiderio sessuale meno intenso e coinvolgente.
Eventuali difficolt´┐Ż o vere e proprie d´┐Żfaillance sono facili a determinarsi, inizialmente, in situazioni diverse dalla normale routine sessuale. Esse si verificano in genere in occasione di stress aspecifico come stress lavorativo, tensione familiare o finanziaria o di altro tipo; oppure stress sessuale specifico come in seguito ad un incontro con una partner nuova e particolarmente desiderata o durante un rapporto extraconiugale. In alcuni casi la decadenza sessuale sembra manifestarsi in modo improvviso. Altre volte disturbi transitori precedono ed anticipano difficolt´┐Ż pi´┐Ż stabili o strutturate. Accade cos´┐Ż che prestazioni sessuali deficitarie o nulle si alternino in un primo tempo a prestazioni normali o anche eccellenti. Poi con il tempo il disturbo aumenta, si cronicizza, si stabilizza.

Labilit´┐Ż sessuale e desiderio di potenza

Top

Un vecchio proverbio dice: "il sesso non vuole pensieri...". L'importanza di eventi disturbanti sull'attivit´┐Ż sessuale, e l'erezione in particolare, ´┐Ż ben conosciuta. Il rapporto sessuale richiede quindi calma e tranquillit´┐Ż e mal sopporta preoccupazioni e stati d'ansia.
La sensibilit´┐Ż allo stimolo negativo ´┐Ż dunque ben nota. nel periodo della maturit´┐Ż sessuale e in andropausa inoltre l'effetto negativo degli stress ´┐Ż ancora pi´┐Ż evidente. Anche una minima tensione pu´┐Ż far precipitare situazioni in equilibrio precario. Un evento spesso banale che nel giovane ´┐Ż privo di significato pu´┐Ż nel maschio in andropausa essere sufficiente a determinare la perdita dell'erezione.
Per fronteggiare il decadimento della efficienza della risposta sessuale l'uomo in andropausa spesso ricerca stimoli pi´┐Ż intensi e forti. A volte sceglie una partner nuova o pi´┐Ż giovane, altre volte ricorre all'uso di materiale pornografico, quali riviste e videocassette. Il ricorso a materiale porno pu´┐Ż ben essere paragonato ad un rimedio di tipo protesico: l'individuo incapace ad accedere direttamente alle proprie risorse erotiche interne, ricorre a mezzi sussidiari esterni allo scopo di ottenere artificialmente un nuovo vigore.
La pornografia, spesso, invece di stimolare fa terra bruciata dell'immagine ed esaurisce lo spazio del desiderio. I rimedi quindi sono spesso peggiori del male.
Una nuova partner, oltre che pi´┐Ż eccitante, pu´┐Ż rivelarsi anche pi´┐Ż ansiogena e difficile da soddisfare. Il ricorso al porno pu´┐Ż trasmettere in un primo tempo, grazie alla trasgressivit´┐Ż che comporta, migliori e pi´┐Ż intense erezioni, pu´┐Ż per´┐Ż rivelarsi successivamente un'arma a doppio taglio: oltre ad esaurire rapidamente la sua carica erotogena, la sua presenza pu´┐Ż divenire indispensabile per rendere possibile una qualsiasi risposta sessuale.

Top

Controllo eiaculatorio

L'incapacit´┐Ż al controllo eiaculatorio, ovvero l'eiaculazione precoce, facilita l'insorgere dell'andropausa e ne accelera il processo involutivo. Il maschio andropausale ´┐Ż un maschio a ridotta potenza, a ridotta energia. Dal punto di vista energetico l'eiaculazione precoce consiste nella incapacit´┐Ż di gestire, sopportare, la tensione sessuale per un tempo utile. L'eiaculazione precoce scarica rapidamente la sua energia, spesso nel momento stesso in cui essa viene prodotta. La immediata perdita energetica, tipica dell'uomo incapace del controllo eiaculatorio, ha conseguenze assai deleterie sulla intera sessualit´┐Ż: i maschi eiaculatori precoci in andropausa, vanno rapidamente incontro a disturbi dell'erezione e pi´┐Ż rapidamente dei loro coetanei possono divenire impotenti.

Top

Infezioni croniche delle vie genitali e sessualit´┐Ż

E' opinione diffusa ritenere che una precoce decadenza sessuale, o una difficolt´┐Ż dell'erezione, o una vera e propria impotenza sessuale possano derivare da una intensa e sfrenata attivit´┐Ż sessuale paticata in et´┐Ż giovanile. Viene generalmente compresa in questa attivit´┐Ż ritenuta eccessiva anche una prolungata pratica masturbatoria. In realt´┐Ż chi pi´┐Ż ha vissuto il sesso attivo, chi pi´┐Ż lo ha esercitato, pi´┐Ż facilmente ´┐Ż capace di esercitarlo ancora, pi´┐Ż facilmente ha una vita sessuale pi´┐Ż longeva. Questo ´┐Ż vero purch´┐Ż abbia vissuto la sua sessualit´┐Ż con serenit´┐Ż, traendone esperienze positive e piacevoli, acquisendo benessere ed abilit´┐Ż.
E' peraltro importante che l'individuo non abbia contratto malattie veneree. Le malattie sessualmente trasmesse possono essere molto gravi, come sifilide o AIDS, e mettere in pericolo la vita stessa dell'individuo, o possono minare l'efficienza sessuale a lungo termine come nel caso di infezioni ed infiammazioni croniche delle vie genitali maschili. Si tratta di malattie che le donne conoscono molto bene a causa dell'evidenza di sintomi quali prurito e perdite vaginali, mentre quasi sempre esse sono asintomatiche nell'uomo. Passano quindi facilmente inosservate per molto tempo, potendo provocare infiammazioni croniche della prostata e delle vescicole seminali (prostato-vesciculiti croniche). Queste, oltre ad essere causa importante nel giovane di infertilit´┐Ż, possono condizionare in andropausa una precoce decadenza della capacit´┐Ż sessuale. Quindi se un sesso intenso ma sano si accorda con il motto: "chi pi´┐Ż lo usa, pi´┐Ż lo conserva", un sesso non protetto o non sicuro ´┐Ż in linea con il detto: "chi pi´┐Ż lo usa, pi´┐Ż lo perde!".

Top

ALCUNI TIPI DI ANDROPAUSA

Possono essere riconosciuti alcuni grandi gruppi, secondo i vari problemi e le diverse manifestazioni.

Andropausali comuni

Sono quelli che meglio si adattano alle modificazioni fisiologiche imposte dalla loro et´┐Ż. Vivono serenamente il passaggio dalla sessualit´┐Ż forte e vigorosa della giovent´┐Ż a quella della maturit´┐Ż, fino a quella della vecchiaia. Il sesso diviene pi´┐Ż cerebrale, meno grossolano, pi´┐Ż raffinato. La risposta sessuale, pur meno pronta ed imperiosa, ´┐Ż sempre valida. Compensano la minore forza e la minore velocit´┐Ż di risposta con una maggiore abilit´┐Ż, padronanza, esperienza e sicurezza. Spesso, addirittura, essi affermano di non essersi mai sentiti meglio dal punto di vista sessuale e di vivere con senso di pienezza e di vigore il loro essere maschi.

Top

Andropausali "precoci"

Si tratta di un gruppo numeroso e di rilevanza clinica. Sono individui che sono sempre stati precoci, anche se spesso sembrano essersi accorti della loro precocit´┐Ż solo ora. Da giovani hanno compensato la loro incapacit´┐Ż al controllo eiaculatorio grazie a rapporti multipli. Spesso erano abituati a masturbarsi prima di un rapporto. Ora che con l'avanzare dell'et´┐Ż la potenza ´┐Ż andata diminuendo, questo non ´┐Ż pi´┐Ż possibile. La eiaculazione precoce anticipa in essi il decadimento sessuale e favorisce la comparsa di disturbi dell'erezione.

Top

Andropausali con prolungata inattivit´┐Ż sessuale

Sono il separato, il divorziato, il vedovo. Esempio classico ´┐Ż quello del vedovo che ha vissuto un lungo periodo di inattivit´┐Ż sessuale. Nel momento in cui ha una nuova relazione si espone ad una situazione di tensione ed ansia. Sia perch´┐Ż sperimenta un nuovo legame sentimentale e fisico, sia perch´┐Ż rivive aspetti emozionali legati alla partner scomparsa.
Lo stesso vale per divorziati o separati: questi spesso devono fare i conti con problematiche fallimentari legate alla pregressa relazione; spesso, quando la rottura ´┐Ż recente, l'uomo ´┐Ż depresso e il nuovo rapporto viene vissuto come una "prima volta".
Ansie e paure, vecchie e nuove, si confrontano con la capacit´┐Ż psico-biologica sessuale, ora meno efficiente.

Top

Andropausali solitari

In questi casi la partner ´┐Ż come assente o si presenta sessualmente inadeguata. Esempi sono la moglie malata o invalida o ancora la moglie-madonna, fattrice asessuata di figli e madre-modello. La moglie viene riferita come poco stimolante sessualmente o poco interessata al sesso. Allo scarso vigore sessuale dell'uomo si associa quindi una scarsa capacit´┐Ż di induzione erotica della donna. Spesso, peraltro, l'uomo ´┐Ż stato in parte responsabile della scarso "sex appeal" e scarso interesse sessuale della compagna.

Top

Andropausali da prestazione

Sono quelli che vogliono "provarsi" o vogliono essere pi´┐Ż forti. Quasi sempre si identificano in uno stereotipo di sessualit´┐Ż che si rif´┐Ż al modello mitico adolescenziale. Il fatto di volersi misurare li danneggia notevolmente innescando una serie di meccanismi psicologici ben noti, il cui unico risultato ´┐Ż quello di accelerare la comparsa della decadenza sessuale.
In molti di questi casi l'uomo pretende di competere sessualmente con la donna. Questo mentre l'uomo diventa meno forte sessualmente con il passare degli anni e la donna raggiunge l'apice con la maturit´┐Ż fisica e psicologica.

Top

Andropausali malati

Con l'et´┐Ż l'incidenza di malattia aumenta, condizionando cos´┐Ż una decadenza precoce, sia dal punto di vista globale che sessuale.
La malattia pu´┐Ż essere aspecifica come una qualsiasi malattia cronica (ad esempio una cardiopatia, nefropatia e epatopatia pi´┐Ż o meno avanzate) o pi´┐Ż specifica e a potenziale interessamento sessuale diretto, come ´┐Ż il caso di pazienti endocrinologici, diabetici, neurologici. La malattia in questi casi contribuisce in modo decisivo al decadimento sessuale una volta giunti nell'et´┐Ż dell'andropausa.

Top

CONCLUSIONI

Per concludere possiamo ben dire che l'andropausa ´┐Ż un fenomeno antico e recente al tempo stesso: ´┐Ż sempre esistita, cos´┐Ż come da sempre esiste l'uomo, e da sempre l'uomo ´┐Ż un essere sessuato.
E' nello stesso tempo un fenomeno nuovo: oggi infatti pi´┐Ż di ieri l'uomo ha la possibilit´┐Ż di confrontarsi con l'andropausa, di vivere pi´┐Ż a lungo e in migliori condizioni e di vivere la sua sessualit´┐Ż anche quando ´┐Ż meno giovane.
L'uomo moderno inoltre vuole vivere la sessualit´┐Ż anche quando non ´┐Ż pi´┐Ż finalizzata alla riproduzione. L'andropausa cerca un suo diritto di esistenza ed uno spazio pi´┐Ż ampio nella vita dell'uomo contemporaneo. Questo proprio per non essere solo sinonimo di "pausa" per l'uomo, di "morte" della sessualit´┐Ż maschile. Per essere invece un modo nuovo, anche se diverso, per vivere con serenit´┐Ż il sesso e la sessualit´┐Ż.
E' quindi tempo che l'andropausa esca da quel mondo vago ed incerto in cui ´┐Ż stata, purtroppo a lungo, relegata. E' necessario inoltre che perda quell'aura di malattia che troppo spesso le ´┐Ż stata attribuita e che conquisti quella connotazione fisiologica e di normalit´┐Ż che le spetta di diritto.

Top

Tratto da: http://www.axnet.it/salute/tutti/sesso4.html
Copyright ´┐Ż1999 ISD Online. Ultimo aggiornamento : 05 Gennaio 2001.
Torna alla pagina delle FAQ

Valid HTML 4.01! Valid CSS!